Petra Huber

BIO & EXHIBITIONS

PETRA HUBER – “LADY HUB”

* ENG *

She certainly does not approach art with a traditional path, even if it is a passion that she has cultivated since she was a child.
Various artistic formations abroad and in Italy have led to what her works show today.
The goal is to create a work that vibrates as much with the environment that hosts it as with those who live in that environment every day. The brush, the manipulation of the materials and the canvas express her abstractionism in a sort of ordered chaos on the canvas.
Since 1996 she has participated in various exhibitions, especially in South Tyrol and since 2020 she has decided to follow only and exclusively her vocation “art” and everything that surrounds her.
Always sensible to the context, with her latest collection as Lady Hub, she researches the union between the physical identity of the work and its digital equivalent. The link between the two worlds is created, leading to the birth of The Hub, a platform of Arts, Capital Market and decentralised creativity.

* ITA *

Decisamente non giunge all’arte con un percorso tradizionale anche se era una passione coltivata sin da piccola: dopo una formazione in economia e marketing, si è immersa nel mondo del marketing turistico e sportivo. I primi contatti con il mondo dell’arte sono  avvenuti tantissimi anni fa, quando personaggi molto noti nel mondo del trading in arte Le chiesero consigli o addiritura Le affidarono opere per la vendita.
La passione per i viaggi, il continuo contatto con le bellezze del paese che ricerca e diffonde nel suo lavoro, stimola la sua creatività portandola a sperimentare l’arte, con particolare dedizione per le tecniche materiche su tela. Petra Huber ricerca il bello, soprattutto nella natura e nei suoi elementi, e lo riporta nelle sue opere con l’utilizzo diretto dei materiali.

Varie formazioni in arte all’estero ed in Italia l’anno portata a ciò che presentano oggi le sue opere.

L’obiettivo è quello di creare un’opera che vibri tanto con l’ambiente che lo ospita, quanto con chi quell’ambiente lo vive nel quotidiano. Il pennello, la manipolazione dei materiali e la tela esprimono il suo astrattismo in una sorta di caos ordinato sulla tela. 

Dal 1996 ha partecipato a diverse mostre soprattutto in Alto Adige e dal 2020 deciso di seguire solo ed esclusivamente la sua vocazione „l’arte“e tutto ciò che la circonda.

Sempre attenta al contesto, con la sua ultima collezione come Lady Hub, sviluppa il connubio tra l’identità fisica dell’opera ed il suo corrispettivo digitale. Il legame tra i due  mondi viene realizzato portando alla nascita di The Hub, una piattaforma di Arti, Capital Market e creatività decentralizzata.

Come si vede lei: Sono eclettica, estrosa, creativa … una mente in continua evoluzione. Mi piace ricercare il bello e scoprirlo nelle forme più naturali e strane delle cose. Sono tante le cose che amo del mio lavoro, una di queste è entrare nella vita delle persone, condividendo l’intimità della loro casa, delle loro emozioni, per poter creare un’opera che vibri non solo con l’ambiente che lo ospita, ma anche con chi, quell’ambiente lo ama e lo vive nella sua quotidianità.
Do vita ai miei pensieri e alle mie emozioni, utilizzando soprattutto la forma pittorica. Il pennello e la mia tela diventano la mia voce per esprimere il mio io più profondo.
Sono passata da una fase figurativa ad una fase più astratta, così come più astratti sono i miei pensieri, che si esprimono in una sorta di caos ordinato sulla tela. Trovare il giusto posto, la giusta luce, il giusto formato non è una banalità, un fattore secondario, ma è parte integrante dell’inserimento dell’opera nella sua nuova vita, una vita che deve esaltarla, accoglierla e proteggerla allo stesso tempo

Website: lady-hub.com